Perché la Romania?

Abbiamo scelto di concentrare il nostro lavoro principalmente sulla Romania, perché è il paese in Europa con il maggior numero di cani randagi.
In Romania oggi ci sono circa 2,5 milioni di cani senza casa e stanno diventando sempre di più. Nell'autunno del 2013 è stata introdotta una legge che chiamiamo "Legge della morte", il che significa che i comuni oggi catturano i cani e li gettano nel recinto della morte - un recinto municipale dove possono morire di fame per alcune settimane e poi uccisi in un modo terribilmente doloroso. . Tutto per i soldi. Il denaro viene ottenuto dall'UE e dal governo rumeno, che in realtà dovrebbe andare al cibo, alle castrazioni, alle cure e ad altre cose, ma invece finisce direttamente nelle tasche delle autorità e dei sindaci decisionali tramite varie società. La corruzione nel paese è alta, e di tanto in tanto viene riportato in TV su come i politici di alto rango siano costretti a dimettersi più e più volte a causa di ciò. Il "recinto della morte" si trova in ogni comune e di solito diversi recinti nello stesso comune. L'unico modo per ridurre il numero di cani è sterilizzarli sul posto, ed è qui che entra in gioco DogRescue.

Come è nata la legge della morte

DogRescue lavora dalla Svezia, dove ha sede ma è attiva anche in Romania, dove l'associazione gestisce un recinto per cani privato e una clinica veterinaria. L'associazione ha scelto di stabilirsi in Romania a seguito della legge avviata nel 2013 per la dichiarazione di un bambino di quattro anni ucciso da un cane di strada - che in seguito si è rivelato essere false accuse per applicare una legge sistematica pulire i cani. La legge modificata ha permesso di catturare e uccidere i cani  che è stato finanziato dalle autorità rumene e sono stati istituiti i cosiddetti rifugi pubblici (recinzioni di cani municipali) su larga scala e l'uccisione di massa di cani è iniziata sul serio. Una delle numerose campagne importanti dei media è quando l'associazione è riuscita a salvare 500 cani di strada dalla morte entro 30 giorni come certo attenzione dei media. Un'altra campagna che è stata notata è "Passeggiata per i randagi" che è successo in circa 60 città svedesi per diversi anni. Nel corso della sua storia decennale, DogRescue ha salvato migliaia di cani dalla morte e nel 2019 ha la capacità di ricevere e prendersi cura di circa 200 cani alla volta nel proprio rifugio.

Le false notizie, le cosiddette "Fake News" da parte del governo, hanno portato all'uccisione di massa di cani senza casa in Romania. Un documento ufficiale dell'ufficio del procuratore presso la Corte suprema rumena mostra dopo che la legge sull'uccisione di massa di cani è entrata in vigore - che il bambino è stato ucciso da uno dei sette cani da guardia in un'area privata. Il documento lo afferma "I minori si trovavano su una proprietà privata sorvegliata da sette cani da guardia di proprietà dell'azienda" e che "l'imputato non ha preso misure adeguate per impedire l'attacco del cane al ragazzo chiudendo l'area per tenere i suoi cani esclusivamente sulla sua proprietà, in in conformità con la legislazione sul possesso di cani, compresi i cani pericolosi e aggressivi " Inoltre, il documento del procuratore afferma che "Nonostante il fatto che alcuni dei cani che sono stati catturati dal campo situato in via Tuzla n. 50 è stato inserito nel registro ufficiale del Centro Veterinario Settore 2009 all'interno del Settore Municipale 2 di Bucarest dal 2, dopo essere stato castrato, stanziato e dotato di microchip. Questi cani non erano cani selvatici nel settembre 2013. Il proprietario dei cani era l'imputato, un'azienda ". Secondo le dichiarazioni di Răzvan Băncescu, capo dell'Autorità per il benessere degli animali di Bucarest (ASPA), in una conferenza stampa, ha riconosciuto che decine di migliaia di cani poco dopo l'entrata in vigore della legge nel 2014 sono già stati uccisi. Diverse organizzazioni per il benessere degli animali stimano che centinaia di migliaia di cani siano stati uccisi, mentre le organizzazioni sul campo parlano di oltre un milione di cani che sono stati uccisi. La legge è ancora attiva oggi e non ci sono piani per cambiarla. Puoi leggere parti di segnala qui sviluppato da un'organizzazione gemella Four Paws che lavora anche con cani da strada.

Proteste di massa in Romania contro la corruzione

Uno dei motivi principali per cui l'uccisione di massa dei cani continua ancora oggi, molti anni dopo, e che la legge non cambia, è che c'è un grande interesse per il profitto nel condurre la cattura e l'uccisione di cani dove oggi puoi guadagnare circa SEK 2500 per cane catturato dentro e uccidi. In un paese come la Romania, dove un lavoratore a basso salario guadagna solo poche migliaia di corone di stipendio mensile, questo è interessante. E in un paese con una storia pesante in cui la corruzione è all'ordine del giorno, le persone non si preoccupano dei cani, ma dei propri problemi. Da Nyhetsmorgon su TV4 del 2017/02/06: Elisabet Frerot e Stefan Borg sulle massicce manifestazioni nella capitale rumena Bucarest - ora la gente chiede le dimissioni del governo. Guarda anche questo documentario su TV4 dove dice il regista corruzione disponibile a tutti i livelli in Romania e che influenza la vita quotidiana delle persone. Ascolta anche il rapporto dalla radio svedese il che ci dice che la Romania è uno dei paesi più corrotti d'Europa.

0